Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.
Datapath Logo
Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.

Datapath fornire scuola di pensiero alle accademie del Sussex

Videowall delle accademie del Sussex

I controller x4 forniscono il cervello dietro il video wall e lo spazio di apprendimento coinvolgente.

Due scuole nel Sussex, la Hastings Academy e la St Leonards Academy, conosciute collettivamente come HASLA (Hastings and St Leonards Academies), sono state recentemente riqualificate con l’AV al centro di una direttiva per creare nuove scuole innovative con strutture del 21° secolo. Tra le tecnologie impiegate per raggiungere questo obiettivo ce ne sono otto Datapath Controller multischermo x4 (quattro in ciascuna Academy), che eseguono una serie di funzioni impressionanti.

HASLA rappresenta nuove scuole innovative con strutture di prima classe, personale qualificato e un nuovo ed entusiasmante modo di insegnare che aiuterà ogni studente a realizzare il proprio potenziale. L'aspetto chiave delle due accademie è che lavorano a stretto contatto sotto lo stesso organo di governo, consentendo loro di collaborare e condividere idee.

Innovazione da parete a parete

Il fulcro delle recenti ristrutturazioni è una soluzione video wall interattiva con videoconferenze dal vivo che offre una "finestra" all'altra accademia partner. Accanto a questo si trova uno schermo interattivo per condividere le migliori pratiche e un muro Twitter live. Altrove nelle accademie è stato costruito un sistema di proiezione immersiva a 270º come parte di un Centro di apprendimento creativo.

Il progetto finale prevedeva sette schermi al plasma disposti come se fossero cornici fotografiche sul muro, in varie dimensioni e orientamenti. Per trasformare l'idea in realtà, tuttavia, è stata necessaria un'ulteriore ricerca in termini di visualizzazione wall controlmeno di quanto Richard inizialmente si aspettasse.

Lo specialista AV con sede a Orpington, CDEC Ltd, è stato incaricato di trasformare l'originale vision nella realtà. Per i video wall, CDEC ha specificato un sistema composto da quattro schermi Samsung SM460 controllati da uno solo Datapath Controller multischermo x4. Due schermi Samsung co-ubicati e indipendenti vengono utilizzati per le videoconferenze e le funzioni di feed Twitter live.

Scelta numero uno

"Abbiamo scelto Datapath sulla base di una serie di criteri”, spiega Jack Wilders, direttore tecnico delle vendite presso CDEC. “Il primo e più importante, e il motivo per cui selezioniamo la maggior parte dei prodotti che specifichiamo nell'istruzione, è la rete/processo di supporto in atto. Un altro motivo convincente per utilizzare queste unità è la loro flessibilità in termini di configurazione e l'efficacia con cui funzionano in tandem con i lettori multimediali/signage digitali OneLAN, che forniscono ancora una volta un elevato livello di flessibilità e facilità d'uso per il mercato dell'istruzione. Il terzo motivo è il rapporto costo-efficacia del controller x4: molti prodotti della concorrenza hanno un prezzo molto più alto e offrono poche o nessuna funzionalità aggiuntiva”.

Il Datapath x4 è un display autonomo wall controller che accetta un ingresso DVI standard single o dual-link che può essere visualizzato in modo flessibile su quattro monitor di uscita. Ciascun output può rappresentare una regione di ritaglio arbitraria dell'immagine di input originale. Non è necessario che la risoluzione di output e il frame rate siano correlati a quelli di input, poiché il file Datapath Il controller display x4 effettuerà opzionalmente l'upscaling e la frequenza dei fotogrammi convertirà ciascuna regione ritagliata in modo indipendente. Ogni monitor di uscita può ricevere input da qualsiasi regione dell'immagine DVI, poiché tutte le operazioni di ritaglio, ridimensionamento, rotazione e conversione del frame rate richieste sono gestite dall'hardware x4.

Finestra digitale

I sistemi video wall di HASLA utilizzano anche uno switch matrice HDMI Kramer VS1616D per consentire il passaggio senza soluzione di continuità tra i contenuti, collegati in rete tramite un lettore di segnaletica digitale OneLAN NTB6000. Ciò offre la possibilità di visualizzare diversi input e di semplificare la "finestra" digitale sia per gli studenti che per gli insegnanti.

Un'altra caratteristica innovativa è un sistema di videoconferenza temporizzata, che si attiva automaticamente al termine delle lezioni alle 3:15 in modo che gli alunni e gli insegnanti che frequentano i doposcuola possano utilizzare il videowall per condividere lezioni e migliori pratiche con le altre accademie del territorio. uno spazio di incontro interattivo. Inoltre, un display touch LED collaborativo Infocus Mondopad con codec di videoconferenza integrato consente di commentare e aggiungere contenuti mentre la sessione è in corso. Un ulteriore display Samsung passa alla modalità verticale e visualizza un feed Twitter dell'accademia dal vivo, con i tweet degli insegnanti e della scuola stessa.

Spazio di apprendimento immersivo

Le strutture didattiche delle accademie includono anche Centri di apprendimento creativo, che dispongono di uno spazio di apprendimento immersivo all'avanguardia con proiezione a 270°, tecnologia innovativa per le aule e soluzioni di segnaletica digitale in tutto l'edificio che possono essere aggiornati con contenuti centralizzati e specifici per area. Tre Datapath I controller x4 gestiscono il modo in cui i contenuti vengono tagliati (hard edge blended) e inviati ai proiettori per creare gli effetti visualizzati su sette schermi Samsung SM460. Ancora una volta, il sistema è gestito da un lettore multimediale OneLan NTB6000.

"Questo è uno dei sistemi immersivi più utilizzabili in circolazione", afferma Wilders. “Abbiamo creato una serie di modelli e, grazie alla semplicità del sistema di aggiornare e creare diversi sfondi coinvolgenti, il team web della scuola aggiunge costantemente modelli per creare diversi ambienti coinvolgenti. L’insegnante arriva con un iPad e seleziona diverse opzioni tramite un menu a discesa e la stanza si trasforma, ad esempio, in un deserto, poi cambia nuovamente in un paesaggio lunare e così via.”

CDEC ha lavorato al progetto per oltre due anni, dalla fase di ideazione e gara d'appalto fino al completamento e alla consegna nel 2013. L'azienda ha collaborato con il team ICT di HASLA per specificare e installare oltre 250 apparecchiature.